Schede di sicurezza: quando applicabili e quando no

SCHEDE DI SICUREZZA: VALIDITA’ E CONFORMITA’ LEGISLATIVA

Le schede dati di sicurezza (SDS) sono documenti sintetici che riportano in modo conciso tutte le caratteristiche chimico-fisiche, tossicologiche, ambientali di una sostanza chimica o di una miscela, e la relativa classificazione.

Le SDS sono obbligatorie se i preparati/miscele sono classificati pericolosi in accordo con il Regolamento CE 1272/2008 (CLP).

Attualmente, e fino al 1 giugno 2017, le SDS per le miscele pericolose possono essere conformi a più di un riferimento normativo.

Infatti, secondo l’Art. 2 Reg. 2015/830 (fatto salvo l’articolo 31, paragrafo 9, del regolamento CE n. 1907/2006): “le schede dati di sicurezza fornite ai destinatari anteriormente al 1° giugno 2015 possono continuare ad essere utilizzate e non è necessario che siano conformi all’allegato del suddetto regolamento fino al 31 maggio 2017”.

Di conseguenza, al momento è possibile trovare sul mercato SDS che riportano diverse date di aggiornamento, ma comunque da ritenersi valide.

Riportiamo di seguito per chiarezza le diverse possibilità che potrete trovare:

  • SDS conformi al Regolamento 2015/830: SDS emesse o revisionate dopo il 1 giugno 2015 (classificazione ed etichettatura CLP);
  • SDS conformi all’Allegato I del Reg. 453/2010: per i prodotti che erano già stati immessi sul mercato prima del 1 giugno 2015 con classificazione (ed etichetta) secondo DPD (la SDS riporterà la doppia classificazione CLP e DPD solo nella sezione 3.2);
  • SDS conformi all’Allegato II del Reg. 453/2010 modificato: per i prodotti che erano già stati immessi sul mercato prima del 1 giugno 2015 con classificazione secondo CLP (la SDS riporterà la doppia classificazione secondo DPD e CLP nelle sezione 2.1 e 3.2 – mentre nella sezione 2.2 relativa all’etichetta deve essere riportata la classificazione secondo CLP).

Le SDS non hanno quindi una “scadenza”: l’unico requisito che devono soddisfare è l’aggiornamento all’ultima normativa vigente. Tale aggiornamento deve essere immediato da parte del fornitore se vi sono nuove informazioni relative alla classificazione, alle misure di gestione del rischio o autorizzazioni/restrizioni specifiche.

SCHEDE INFORMATIVE DI SICUREZZA: QUANDO APPLICABILI E QUANDO NO

In base a quanto stabilito dagli artt. 31e 32 del Regolamento Reach, per tutti i prodotti non classificati pericolosi in base ai criteri del Regolamento 1272/2008 (CLP), non è prevista la redazione della Scheda dati di Sicurezza.

Di conseguenza, in virtù delle disposizioni legislative vigenti, Colkim metterà a disposizione per i suoi clienti una Scheda Informativa di Sicurezza (SIS) e non una scheda dati di sicurezza (necessaria solo per i prodotti pericolosi).

Le SIS riporteranno le principali informazioni utili all’utilizzatore, come di seguito elencate:

  • Nome commerciale del prodotto;
  • Breve descrizione e usi consigliati;
  • Composizione;
  • Utilizzo in sicurezza;
  • Metodi di trattamento dei rifiuti.

Al fine di fornire un servizio aggiornato e tempestivo ai propri clienti, Colkim renderà disponibili nell’area pubblica di questo sito le SDS e le SIS sempre aggiornate e conformi. 

Goliath® Gel: Approccio efficace per risolvere le infestazioni da scarafaggi più problematiche

In caso di infestazioni da Blatella germanica particolarmente persistenti, è necessario ricorrere a un approccio onnicomprensivo. Un costoso trattamento a tappeto non è necessariamente l’approccio corretto. Un programma di disinfestazione mirato e sistematico a base di esche in gel di alta qualità abbinato al monitoraggio continuo è la soluzione più adeguata; il programma può durare anche diverse settimane e la collaborazione degli inquilini (o dipendenti) e del personale di pulizia è fondamentale.

Quella che riportiamo di seguito è l’esperienza dei disinfestatori britannici Paul Keyworth, di Reliable Pest Control, e Mark Sheldon, di Integrated Pest Solutions, che lo scorso anno hanno unito le loro forze e le loro risorse, assieme al personale di un ristorante con 300 coperti dell’area di Manchester, per debellare una grande infestazione di scarafaggi che numerose imprese di disinfestazione non erano riuscite ad estirpare.

Non penso di aver mai visto così tanti scarafaggi in vita mia”, ricorda Paul Keyworth. “Ce n’erano centinaia, ovunque. E non solo in cucina e dietro il bancone del bar. I clienti scattavano perfino foto da postare su Trip Advisor!

Diverse imprese non erano riuscite a debellare l’infestazione – da operatori a basso costo che applicavano insetticida spray e in polvere settimanalmente, a grandi società che avevano chiesto €2.500 per un singolo intervento di disinfestazione -. Il motivo del fallimento era semplice: non erano riusciti a colpire l’infestazione alla radice, anche a causa del grande numero di mobili fissi e arredi, senza parlare poi delle pareti e dei soffitti”.

I due disinfestatori hanno optato per un programma di trattamenti intensivo “fuori orario” con la collaborazione del personale di pulizia a partire dalle 6 di ogni mattina, dal venerdì al lunedì. La stretta collaborazione con gli addetti alle pulizie e il personale del bar ha consentito di spostare tutte le attrezzature e, ove necessario, smontarle in parte per ispezionarle e procedere con il trattamento.

Il personale e gli addetti alle pulizie hanno spostato le apparecchiature, consentendoci di applicare un aerosol piretroide in ogni possibile rifugio.

Dopo la rimozione, abbiamo eliminato attentamente ogni residuo di spray e quindi applicato Goliath® Gel in numerosi punti di adescamento. Non è il prodotto più economico sul mercato, ma entrambi abbiamo potuto constatare la sua efficacia ed affidabilità di lunga durata. E se lo si applica con la giusta precisione, è necessaria una quantità inferiore rispetto alle altre esche in gel in commercio, quindi nel lungo termine è più conveniente degli altri gel”.

La parte finale del programma di disinfestazione ha comportato l’attento posizionamento di trappole a colla nelle zone maggiormente infestate per monitorare il livello dei parassiti.Sebbene il personale del ristorante abbia notato un notevole miglioramento nell’infestazione nelle prime due settimane, le trappole di monitoraggio continuavano a indicare un problema di fondo. Paul e Mark hanno potuto ridurre le loro visite ad una per settimana, e poi ogni due settimane, già dopo due mesi di trattamento.

Il ristorante si trova in un condominio con appartamenti ai piani superiori e con almeno altri due ristoranti nelle vicinanze”, spiega Paul Keyworth. “I controsoffitti e le condutture rendono inevitabile la reinfestazione nelle aree al di fuori del nostro controllo. Quindi non dobbiamo abbassare la guardia e dobbiamo intervenire con tempestività per prevenire una nuova infestazione”.

È solo una questione di conoscere bene l’insetto da eliminare e di ricorrere al programma di disinfestazione più efficace. L’adescamento tramite gel si è rivelato estremamente efficace e non abbiamo dovuto usare più di cinque cartucce di Goliath® Gel per tutto il lavoro effettuato fino ad oggi. Le trappole a colla ci sono costate di più del gel. Oltre ad utilizzare l’esca più affidabile e ad azione più rapida, è importante prendersi il tempo necessario ed applicarsi costantemente per portare a termine il lavoro di disinfestazione, per il quale dobbiamo essere molto di più di semplici tecnici.”

Ora, i proprietari del ristorante si fidano nuovamente dei disinfestatori; abbiamo dimostrato loro che una soluzione rapida non è sempre la più idonea e che non bisogna aspettare troppo a lungo prima di chiedere aiuto alle persone giuste. Credetemi, anche molte altre aziende dovrebbero imparare da queste lezioni”, conclude Mark Sheldon.

 

Goliath® Gel è un marchio registrato di BASF.
Goliath® Gel contiene lo 0,05% di fipronil. Usare i biocidi con cautela.
Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto.
 
 
Per gentile concessione di BASF

Non importa in quale stadio. La vittoria è assicurata!

Scarica il depliant completo.

Ecco gli insetticidi per la lotta alle zanzare:

1 – Diflubenzuron

Igr-inibitore dell’enzima chitina-sintetasi

azioni_diflu

Tutti gli stadi larvali vengono danneggiati ma i più colpiti sono i primi due.

No_Larv_compresse

No_Larv_granuli

Device_sc15

2 – S-Metoprene

IGR – Juvenoide

azioni_Smeto

Particolarmente efficace sugli stadi larvali III e IV

bollo

Larvicol_compresseLarvicol_liquido

3 – CIPERMETRINA – TETRAMETRINA – PERMETRINA – PRALLETRINA

azioni_adulti

Exit100-01

 

Cymina plus

 

Sting-03

 

Permacol 16_2-04

 

 

Protezione delle derrate alimentari: i modi rudi dei parassiti (Seconda e ultima parte)

Intervista a Iris Kraaz, consulente e manager dei parassitoidi presso Andermatt Biocontrol.

Domanda: È difficile allevare insetti utili/parassitoidi in massa?

Iris Kraaz: Non è certo un’impresa molto facile… le condizioni in laboratorio infatti non corrispondono mai alle condizioni nella natura. Inoltre non possiamo allevare solo l’insetto utile, parallelamente dobbiamo allevare anche gli ospiti idonei, quindi gli insetti nocivi. Dovranno essere a disposizione al momento opportuno di parassitizzazione – basta una lieve oscillazione della temperatura o un’irregolarità nella soluzione nutritiva per accelerare o frenare lo sviluppo.

Domanda: Sono necessari grossi investimenti?

Iris Kraaz: Sì, certo, oltre alla tecnica di laboratorio e all’infrastruttura, per esempio per la regolazione del clima, occorre parecchio personale. Un simile allevamento richiede cure e va avanti tutto l’anno 24 ore su 24 anche durante i fine settimana.

Domanda: Dispone di un brevetto per i primi quattro insetti utili?

Iris Kraaz: No. È vero che si potrebbe brevettare la procedura di allevamento ma sarebbe poi difficile e oneroso controllare se qualcuno copia la procedura e ottenere poi ragione dal punto di vista giuridico.

Domanda: È già prevista la produzione di altri animaletti?

Iris Kraaz: Attualmente ci concentriamo sui primi quattro e vorremmo che venissero utilizzati, vorremmo riuscire a produrre la quantità necessaria a rendere possibile una produzione redditizia.

Domanda: Siete in grado di rifornire tutta l’Europa?

Iris Kraaz: I presupposti ci sarebbero, potremmo incrementare la produzione in ogni momento. Stiamo cercando attivamente possibili partner di mercato in tutta Europa.

Domanda: Andermatt Biocontrol sta per diventare un gruppo di dimensioni mondiali?

Iris Kraaz: Non lo siamo già ora? – Riferito alla grandezza della nicchia di mercato paragonata al resto del mondo?! Parlando sul serio: la Andermatt Biocontrol si impegna da vent’anni per lo sviluppo e la commercializzazione a livello mondiale di prodotti fitosanitari biologici – ai quali ora per la trasformazione e il commercio si aggiunge la protezione delle scorte. Non siamo un gruppo di dimensioni mondiali bensì una ditta attiva in tutto il mondo.

Innocui per l’ambiente, per l’uomo e per le merci depositate

Tutti e quattro gli insetti utili pronti per entrare in azione cercano in modo mirato gli organismi ospite e non rappresentano alcun rischio per l’ambiente e per l’uomo. Per gli inesperti è sorprendente scoprire come sono sufficienti solo pochi insetti utili per proteggere da infestazione: un grande panificio potrebbe proteggersi dalle tignole per un anno con soli 2,4 grammi (= 1,2 milioni di esemplari) di Trichogramma evanescens, un pastificio necessiterebbe di 6 grammi di Anisopteromalus calandrae (12000 esemplari) per tenere in scacco il coleottero del pane. Gli insetti utili non si nutrono della merce depositata e non lasciano nemmeno tracce di feci dato che sono liberati da adulti e che in questo stadio non rilasciano escrementi. Gli insetti utili vivono solo fino a quando è presente il parassita mirato, poi muoiono rapidamente. La regolare pulizia permette di eliminare resti di insetti morti (utili e nocivi) dalle materie prime come cereali, noci o semolino. La strategia di rilascio è inoltre organizzata in modo che nessun insetto utile finisca nel prodotto finale.

I vantaggi:

  • Niente residui sui prodotti
  • Nessuna interruzione della produzione
  • Nessun inquinamento dell’aria nei locali
  • Nessuna resistenza
  • Nessuna pulizia supplementare necessaria nella lotta convenzionale

Nel magazzinaggio e nella trasformazione di prodotti bio le sostanze chimiche di sintesi sono ammesse unicamente nei locali vuoti o per il trattamento dei rifugi escludendo il rischio di contaminazione. In caso di infestazione acuta, il trattamento dei rifugi non è sufficiente e i sili, i magazzini e i luoghi di produzione finora dovevano essere svuotati per permettere un trattamento esteso come la fumigazione o la nebulizzazione. Perdite di produzione e costi elevati erano inevitabili.

Gli insetti utili possono prevenire ma non sono una panacea

Trichogramma evanescens (contro le tignole) e Lariophagus distinguendus (contro i coleotteri) possono essere impiegati anche a titolo curativo, il punto chiave del programma è però chiaramente la prevenzione. Una forte infestazione non può più essere controllata e l’infestazione non può essere ridotta a un livello tollerabile entro un anno solo con insetti utili.

Anche nella prevenzione gli insetti utili non sono un prodigio che rende superflua la vigilanza continua o che riduce la pulizia a un mero passatempo per fanatici dell’igiene. La liberazione di insetti utili rappresenta una misura fra tante. Gli insetti utili vanno liberati in modo estremamente mirato, previa esecuzione di un’analisi dei rischi e dei punti deboli effettuata a regola d’arte (dal punto di vista costruttivo, dell’igiene, organizzativo) e con consulenza/accompagnamento.

Metodo utile anche nel settore convenzionale

Il successo dell’iniziativa non va sottovalutato. Per la prima volta in Europa, come afferma la responsabile del progetto Gabriela Wyss del FiBL (Istituti di ricerca dell’agricoltura biologica), l’impiego di insetti utili per le derrate è stato sperimentato a livello industriale. I trasformatori dell’industria biologica all’estero dimostrano interesse per i quattro insetti utili ora disponibili. Anche il settore alimentare convenzionale presto o tardi si accorgerà di questi animaletti, infatti i prodotti chimici di sintesi impiegati finora per la protezione delle scorte sono sempre più criticati. E pure gli acquirenti dei prodotti convenzionali diventano sempre più esigenti per quanto riguarda i residui nelle derrate alimentari. La gamma di prodotti ammessi per il magazzinaggio e la trasformazione diminuisce a vista d’occhio.

Come gestire gli insetti utili

La gestione degli insetti utili presuppone determinate conoscenze e va appresa.

Colkim è a disposizione per approfondire e insegnare l’uso di questo sistema bio al 100%.

Versandeinheiten Vorratsn¸tzlinge

Demand 10 CS: perché le dimensioni sono importanti

Un insetticida può essere efficace solo se entra in contatto con l’insetto bersaglio. Sul piano visibile, questo si basa sulle competenze e sul giudizio del Disinfestatore che deve sapere dove si trovano gli insetti parassiti e quali sono i posti migliori per applicare l’insetticida. Sul piano “invisibile” occorre l’esperienza degli scienziati, che progettano e realizzano la formulazione insetticida, per ottimizzare l’adesione dell’insetticida al corpo del parassita.

Solo i due piani insieme possono concretizzare un ottimo controllo dei parassiti e quindi possono raggiungere la soddisfazione del cliente.

La moderna tecnologia di incapsulamento permette di decidere le dimensioni delle microcapsule contenenti l’insetticida. Gli scienziati della Syngenta sanno che le dimensioni delle microcapsule influenzano fortemente le prestazioni e quando hanno sviluppato Demand® 10 CS hanno letteralmente iniziato da zero.

Su scala microscopica, molte superfici quali calcestruzzo, legno, gesso ecc, sono sorprendentemente eterogenee: rientri, pori e cavità possono essere facilmente osservati al microscopio, anche su superfici apparentemente lisce. Microcapsule di dimensioni inferiori a 5 micron (1μm è 1/1.000 mm) finiscono facilmente in queste cavità dopo l’applicazione a spruzzo, (vedi foto 1).

Microcapsule su cemento

Foto 1. Microcapsule di Demand® 10 CS sul cemento.
Le microcapsule cerchiate sono troppo piccole
per entrare in contatto con i parassiti

Poiché le zampe degli insetti sono molto più grandi delle cavità e delle rugosità delle superfici, se le microcapsule sono troppo piccole, non entrano in contatto con il parassita mentre quelle più grandi aderiscono prontamente, vedi foto 2. In effetti, l’insetticida inserito in una capsula inferiore ai 5 micron è perduto. Questo pone un limite inferiore alla dimensione delle microcapsule perché siano efficaci.

La distribuzione delle microcapsule su una superficie condizionerà anche la quantità di insetticida prelevato dai parassiti. Se le microcapsule sono troppo poche per unità di superficie, la possibilità che entrino in contatto con un insetto sono ridotte.

IMG 1

Foto 2. Una capsula di Demand® 10 CS sulla zampa di un parassita

Se il diametro della sfera raddoppia, il suo volume aumenta otto volte. Pertanto, una singola capsula di 40μm di diametro contiene la stessa quantità di lambda-cialotrina di 8 capsule di 20μm di diametro o 64 capsule con un diametro di 10 micron. Con un insetticida potente come la lambda-cialotrina, sarebbe più che sufficiente la quantità contenuta in una capsula di 40μm per uccidere numerosi parassiti. Tuttavia, se la quantità di insetticida per unità di superficie rimane la stessa, il numero di capsule diminuirà velocemente all’aumentare della loro dimensione. Per riassumere, se le capsule fossero troppo grandi, la distribuzione dell’insetticida diventerebbe meno efficace, in quanto vi sarebbero meno capsule sulla superficie nonostante, potenzialmente, ogni capsula potrebbe controllare molti parassiti.

Il terzo fattore che è stato considerato nella progettazione delle microcapsule contenute nel Demand® 10 CS, è la facilità con cui una capsula può essere captata dall’insetto parassita. Un insetto parassita deve entrare in contatto con una microcapsula per fare penetrare la lambda-cialotrina. La ricerca intrapresa nel 1950 ha dimostrato che le particelle di 10 – 25 micron di grandezza si sono attaccate in modo efficace sulle zanzare. Studi più recenti, nei laboratori di Syngenta, hanno confermato queste dimensioni anche per gli scarafaggi e le mosche.

Presi insieme, questi fattori hanno guidato gli scienziati di Syngenta a realizzare microcapsule che ottimizzano la distribuzione sulla superficie trattata, aumentano la disponibilità e massimizzano la capacità di attaccarsi, proteggendo la lambdacialotrina negli ambienti difficili.

Il risultato finale è che Demand® 10 CS è un insetticida con alte prestazioni su una vasta gamma di superfici e un’ottima attività residuale.

La ricerca mostra anche che, anche su scala microscopica, la dimensione è importante.

Protezione delle derrate alimentari: i modi rudi dei parassiti (Prima parte)

Scena n.1 – Scontro sul sacco di farina

Interno giorno – deposito prodotti finiti in attesa di spedizione

Nel deposito numero 2, là dove si trovano i grandi imballaggi pronti per la spedizione, sul penultimo bancale dal basso, da uno strappo in un sacco da 25 chili fuoriesce un vermetto. Per la precisione si tratta di una larva di tignola grigia della farina. Il corpo carnoso bianco sfumato è appena un po’ più scuro della farina, la sua testa brunastra e i suoi peli sono ricoperti di farina.

Il vermetto sta giusto raggiungendo la lettera «s» della scritta «farina semibianca per treccia» quando improvviso sopraggiunge un attacco dall’alto: un icneumonide si avvicina, misura circa 4 mm, e attacca la larva di tignola molto più grande di lui, lunga circa 2,5 cm. Questo icneumonide è specializzato nella caccia alla tignola della farina.

La scienza gli ha dato il nome certamente bello ma difficile da ricordare Habrobracon hebetor. Il nostro H.h. non perde tempo, deve sbrigare una faccenda urgente. Attacca lateralmente la larva e le conficca il suo lungo pungiglione tra due segmenti del gigantesco corpo. La larva si contorce, la testa si muove verso la vespa ma non è abbastanza veloce o non dispone di un apparato boccale adatto a contrattaccare. Alla larva della tignola, che pian piano vien meno per il veleno della vespa, vengono inferte altre due o tre punture fino a quando è completamente paralizzata e incapace di difendersi.

La vespa a questo punto succhia un po’ del succo vitale del corpo inerme della larva e, rinvigorita, inizia il lavoro per il quale ha paralizzato la larva: depone diverse uova all’esterno del corpo della stessa. Dalle uova usciranno larve di vespa che si nutriranno della larva di tignola – l’animale ospite – svuotandola man mano e crescendo a sue spese. Una volta grandi abbastanza, le larve si allontaneranno dai resti dell’ospite, chiudendosi in un bozzolo dal quale poi ne uscirà un icneumonide finito, adulto e sessualmente maturo. Il ciclo di vita dell’icneumonide Habrobracon hebetor si porterà a termine in circa 30 giorni.

Parassitoidi

Scena n.2 – Uova per i parassitoidi

Interno giorno – Secondo piano, mulino A

Al secondo piano, nel mulino A, si aggira un lontano parente di H.h., il Trichogramma evanescens , di dieci volte più piccolo ed infatti misura solo 0,4 mm. Anch’esso è capace di compromettere la sopravvivenza delle tignole interrompendo il loro ciclo vitale. L’imenottero T.e. tuttavia si attiva in uno stadio di sviluppo precedente rispetto a H.h. e non ha bisogno di attaccare le larve di tignola: esso infatti parassitizza le uova dell’ospite anziché le larve. (È per questo che è rimasto così piccolo o – al contrario – la sua specialità sono le uova proprio perché è così piccolo? – Chiedetelo a Darwin!).

T.e. dunque saltella e svolazza (non è un gran volatore) attorno al grande separatore o «scuotitore» nel quale avviene la prima pulizia del frumento. Trova ciò che cerca nella base della macchina, nei sostegni ammortizzati dei cuscinetti oscillanti, su un ferro a T dove non si riesce a pulire perché non arriva nessuna spazzola, nessuna scopa e nessuno strofinaccio. L’imenottero trova le uova di una tignola della farina. Salta su un uovo, gioiosamente vi si arrampica e ridiscende e infine vi si siede sopra e con forti movimenti ritmici della parte posteriore del suo corpo conficca l’ovopositore nel guscio esterno elastico dell’uovo della tignola.

Da questo uovo non uscirà mai una larva di tignola della farina bensì la larva dell’assassina della larva della tignola, l’imenottero Trichogramma evanescens. Il nostro T.e. però non parassita un uovo solo, anzi, perfora tutte le uova trasformandole in uova di Trichogramma.

Fantascienza o realtà?

Sembrano due scene di un film di fantascienza mentre invece sono realtà. In questo modo si svolge milioni di volte e da milioni di anni la lotta tra i parassiti e i loro ospiti. Laddove si tratta di ospiti che attaccano le nostre colture, che infastidiscono i nostri animali domestici o che si nutrono delle nostre scorte alimentari, i parassiti ci sono utili e perciò li chiamiamo insetti utili o parassitoidi.

Da tempo sia la ricerca che gli operatori commerciali coinvolti, hanno cercato il modo di proteggere le derrate tramite gli insetti utili.

Un progetto Svizzero finanziato dal fondo Coop per lo sviluppo sostenibile ha ora permesso l’impiego di insetti utili contro i parassiti delle derrate immagazzinate. È ora disponibile un set di quattro insetti utili contro tutta una serie di organismi nocivi.

Il successo è il risultato del lavoro di tre partner di progetto che hanno collaborato per tre anni: Andermatt Biocontrol AG ha sviluppato i sistemi di allevamento, l’impresa specializzata in lotta antiparassitaria Desinfecta si è occupata del rilascio sperimentale degli insetti e il FiBL (Istituti di ricerca dell’agricoltura biologica) si è occupato della direzione del progetto e della comunicazione.

Gli insetti utili (parassitoidi) impiegati negli esperimenti in Svizzera sono specie presenti in natura e gli esperti di Andermatt Biocontrol li hanno raccolti nei magazzini di cereali e nelle aziende di trasformazione o acquistati presso piccoli allevamenti. In seguito li hanno riprodotti in allevamenti di massa.

Lariophagus distinguendus auf Korn

Gli elettroinsetticidi e il Grado di Protezione IP – Un breve approfondimento a cura di Colkim e PestWest

Quando si parla di elettroinsetticidi (sia a griglia elettrificata che a colla), è opportuno trattare anche il tema del grado di protezione IP. Tutto il settore della disinfestazione professionale -dal produttore, al PCO, all’utente finale- è informato a riguardo e pienamente consapevole che il modello di trappola installato debba rispondere a quanto richiesto per l’ambiente interessato…

Oppure no?

Il Codice IP, Marchio Internazionale Protezione, IEC standard 60529, a volte interpretato come Marchio Protezione Ingresso, classifica e valuta il grado di protezione fornito da involucri meccanici e quadri elettrici contro l’intrusione di particelle solide (quali parti del corpo e polvere) e l’accesso di liquidi.

La normativa IEC punta a definire gli standard di sicurezza delle parti elettriche. Le due cifre che definiscono il grado IP, indicano la conformità con le condizioni riassunte nella tabella sotto riportata.

Le trappole a luce UV adatte a questi ambienti particolari devono essere progettate e costruite soddisfando i prerequisiti previsti nello Standard di Sicurezza Europeo (European Safety Standard) EN60529:1992. Se non diversamente specificato, il grado di protezione è IP 20 (uguale a quello presente negli uffici). In aree in cui ci sia presenza di polvere o di acqua è richiesto un grado di protezione specifico.

Solitamente l`utente finale sa quale indice di protezione è richiesto e quindi pretenderà una trappola che soddisfi almeno il grado di IP necessario.

Per fare qualche esempio: gli elettroinsetticidi che devono essere installati in esterni, dovranno avere un grado di protezione a partire da IP24. Tale livello li rende idonei per uso anche in fienili, stalle, ecc.

Il grado IP 2X è il massimo grado che una trappola a griglia elettrificata possa avere, perché deve comunque prevedere aperture che permettano agli insetti di entrare all`interno.

Le trappole installate in ambienti molto umidi, o dove possano essere esposte ad un potente getto di acqua, dovranno essere IPX5 o IPX6.

Fatti questi rapidi esempi, è ovvio che la qualità di una trappola, e il grado IP dichiarato, varia a seconda della qualità delle guarnizioni, dei sigillanti in silicone o degli altri componenti utilizzati al suo interno, che possono fare seriamente la differenza nella prestazione e nella sicurezza della trappola.

Sebbene oggi un produttore non sia obbligato a supportare il grado IP dichiarato con test e certificati prodotti da parti terze, PestWest® ha voluto delegare a laboratori indipendenti internazionalmente riconosciuti la certificazione delle proprie lampade, ritenendo tale atteggiamento molto professionale e corretto: un certificato rilasciato da un`azienda indipendente è un modo per garantire che i prodotti testati rispettano effettivamente i requisiti dichiarati.

Per questo motivo possiamo affermare con fierezza che tutti i prodotti PestWest® utilizzano componenti di elevata qualità che sono stati testati per la classificazione IP.

Per garantire che quanto dichiarato sia mantenuto negli anni, PestWest® unisce a un design innovativo, l’utilizzo di guarnizioni in gommapiuma a cellule chiuse e un uso ridotto di sigillanti in silicone.

Questi sono valori aggiunti che permettono all’azienda inglese di differenziarsi da altri prodotti presenti sul mercato, che invece utilizzano elevate quantità di sigillante in silicone, rendendo particolarmente difficile mantenere il medesimo grado IP nel tempo. Infatti, quando la trappola necessita di riparazioni, viene aperta e il silicone si stacca compromettendo il grado di protezione IP originario.

A questo punto, siete sicuri che la trappola che avete appena installato risponda davvero al grado IP richiesto? Colkim e PestWest® sono pronti a fornirvi certificati rilasciati da enti indipendenti attestanti il grado di protezione dichiarato, per supportare il vostro lavoro, e la vostra immagine.

IP Ratings Guide ITALIAN

Advion® Gel Scarafaggi e Advion® Gel Formiche: piacciono agli insetti, piacciono al vostro business

Logo Advion Scarafaggi

Advion® Gel Scarafaggi è un’esca che unisce una matrice brevettata molto appetibile a un principio attivo unico, non repellente, l’Indoxacarb, che viene bio-attivato dagli enzimi interni delle blatte.

Gli studi dimostrano che questa formulazione attrae velocemente le blatte, anche in presenza di fonti alimentari alternative. Advion® Gel Scarafaggi può essere applicato in un’ampia varietà di siti.

  • Controllo tempestivo e completo delle principali specie di scarafaggi
  • Utilizzabile per interni ed esterni
  • Adatto agli stabilimenti di manipolazione degli alimenti
  • Formulazione ad alta appetibilità
  • Bio-attivazione ad opera degli enzimi degli scarafaggi

POPOLAZIONI REFRATTARIE ALLE ESCHE IN GEL

Varie ricerche hanno messo in evidenza che la matrice, o formulazione, di alcune esche in gel non attrae più certe blatte. Questo significa che gli scarafaggi non si nutriranno più con l’esca. Advion® Gel Scarafaggi è stato studiato per superare questo fenomeno. La sua formulazione è stata specificamente sviluppata per vincere l’avversione all’esca in gel mostrata da queste popolazioni di scarafaggi. Inoltre, Syngenta è impegnata a monitorare qualsiasi cambiamento nella reazione degli insetti, per garantire la massima efficacia delle sue esche anche negli anni a venire.

APPLICAZIONE OTTIMIZZATA

Nei test di applicazione effettuati, Advion® Gel Scarafaggi ha mostrato una regolare e costante viscosità. L’utilizzazione di un dispositivo che misura la pressione necessaria sul grilletto della pistola applicatrice ha evidenziato che, applicazione dopo applicazione, la quantità impiegata di Advion® è costante.

Poiché Advion® dispone di una formulazione a viscosità ottimizzata, si può essere certi di applicare la corretta quantità di gel, anche in zone non visibili.

EFFICACIA PROVATA

Numerosi studi effettuati con Advion® Gel Scarafaggi hanno mostrato che esso offre un eccellente controllo delle principali specie di blatte che comunemente causano problemi in Europa.

UN PRINCIPIO ATTIVO VINCENTE

Advion® Gel Scarafaggi contiene un principio attivo insetticida brevettato e appartenente alla classe chimica delle ossadiazine, quale unico attuale rappresentante.

Il suo meccanismo d’azione lo differenzia da tutti gli altri insetticidi. Basandosi su un processo di attivazione metabolica che avviene all’interno degli insetti bersaglio, esso offre molteplici vantaggi nella disinfestazione professionale.

Questo processo di attivazione metabolica è importante perché permette di differenziare efficacemente gli insetti bersaglio dagli organismi non bersaglio, come i mammiferi.

PRINCIPIO ATTIVO RIVOLUZIONARIO

Pochi insetticidi utilizzano enzimi naturali presenti negli insetti nocivi per attuare i cambiamenti nella loro struttura molecolare accrescendo la loro efficacia biologica.

Attraverso metodi di ottimizzazione chimica, i ricercatori hanno sviluppato il principio attivo di Advion® in modo che venga bio-attivato dagli insetti bersaglio.

Il processo di bio-attivazione coinvolge enzimi presenti nell’insetto e inizia solo quando il prodotto viene ingerito o assorbito dalla blatta. L’Indoxacarb, grazie al processo guidato dal metabolismo degli insetti bersaglio, viene bioattivato e convertito nella forma attiva.

Il fatto che il principio attivo divenga realmente letale solo all’interno dell’insetto bersaglio, consente ai professionisti della disinfestazione di gestire al meglio il controllo degli insetti infestanti e i suoi effetti sull’ambiente.

Advion® Gel Scarafaggi è stato formulato specificamente per risultare appetibile a tutte le specie di scarafaggi infestanti tra cui Scarafaggio nero (Blatta orientalis), Blattella germanica (Blatella germanica) e Blatta americana (Periplaneta americana).

Il leggero ritardo dell’effetto letale del principio attivo contenuto in Advion® Gel Scarafaggi fa sì che le blatte, una volta consumata l’esca, abbiano il tempo di ritornare nel loro rifugio e di contaminare molti altri scarafaggi. Il risultato è una significativa riduzione dell’infestazione attraverso il meccanismo di transfer orizzontale.

Logo Advion Formiche

Advion® Gel Formiche usa un nuovo principio attivo, l’Indoxacarb, che viene bio-attivato nella sua forma ad alta efficacia insetticida dal metabolismo delle formiche.

Advion® Gel Formiche combina la provata efficacia dell’Indoxacarb con una formulazione in gel molto attraente per le formiche, fornendo così un controllo potente e ad ampio spettro delle formiche infestanti.

  • Un meccanismo d’azione rivoluzionario
  • Altamente attraente per tutte le principali specie di formiche
  • Controllo totale della colonia
  • Adatto per gli stabilimenti di manipolazione degli alimenti
  • Viscosità ottimale in tutte le situazioni
  • Trasparente, inodore, non macchia
  • Utilizzabile per interni ed esterni

I VANTAGGI DELLA BIO-ATTIVAZIONE

La bio-attivazione è un processo metabolico innovativo che sfrutta lo stesso metabolismo della formica per provocare il cambiamento nella struttura molecolare dell’Indoxacarb potenziandone l’efficacia insetticida.

Dopo l’ingestione di Advion® Gel Formiche, gli enzimi interni degli insetti convertono la molecola di Indoxacarb nella sua forma letale. Il metabolita attivo si lega al sito bersaglio e blocca i canali del sodio dell’insetto, che va incontro a paralisi e morte.

Questa attivazione metabolica fa sì che l’Indoxacarb distingua efficacemente tra insetti bersaglio e organismi non bersaglio, come i mammiferi. Il fatto che il principio attivo divenga realmente letale solo all’interno dell’insetto bersaglio consente ai professionisti della disinfestazione di gestire al meglio il controllo degli insetti infestanti e i suoi effetti sull’ambiente.

CONTROLLO TOTALE DELLA COLONIA

Advion® Gel Formiche agisce sulle principali specie di formiche colpendo gli individui in tutti gli stadi di vita e portando all’eliminazione dell’intera colonia.

Il leggero ritardo dell’effetto letale dell’Indoxacarb, il principio attivo contenuto in Advion® Gel Formiche, consente agli insetti, una volta consumata l’esca, di tornare nel loro rifugio per contaminare altre formiche. Il risultato è una significativa riduzione della popolazione. Le formiche operaie, attraverso la trofallassi, condividono l’esca con i membri riproduttivi della colonia, causando la morte della regina e la completa eliminazione dell’infestazione. Advion® Gel Formiche, se applicato seguendo correttamente le istruzioni, aiuta a eliminare le formiche in pochi giorni.

CONTROLLO DI UN’AMPIA VARIETÀ DI FORMICHE, INTERNAMENTE ED ESTERNAMENTE

Advion® Gel Formiche è stato formulato specificamente per risultare attraente per molte specie di formiche infestanti tra cui, a titolo esemplificativo:

  • Formica nera (Lasius niger)
  • Formica faraone (Monomorium pharaonis)
  • Formica argentina (Linepithema humile)
  • Formica fantasma (Tapinoma melanocephalum)

Altre specie controllate comprendono: Paratrechina longicornis, Pheidole megacephala, Myrmica rubra, Crematogaster spp Tetramorium spp e Camponotus spp.

Dato il suo favorevole profilo ambientale, Advion® Gel Formiche può essere usato sia all’interno che all’esterno di diversi siti:

  • Residenziale (Appartamenti e condomini, Casali e ville),
  • Trasporto (Aerei, Autobus, Navi, Treni),
  • Commerciale e Industriale (Industrie alimentari, Hotel, Ristoranti, Supermercati, Magazzini),
  • Pubblico e Istituzionale (Ospedali, Scuole, Case di riposo)

UNA GRANDE APPETIBILITÀ ADATTATA ALLE DIVERSE ABITUDINI ALIMENTARI DELLE FORMICHE

La maggior parte delle specie di formiche, a un certo punto, mostra una preferenza per la melata o gli alimenti dolci. Alcune, tuttavia, si nutrono anche di cibi proteici o oleosi. Dato che le preferenze alimentari delle formiche sono estremamente volubili, è di importanza cruciale usare un’esca in gel che permetta una maggiore flessibilità.

A tal fine Advion® Gel Formiche è stato formulato in modo da risultare maggiormente apprezzato dalle principali specie di formiche, consentendone un controllo più sicuro.

UNA VISCOSITÀ OTTIMALE

Questa formulazione ad alte prestazioni è progettata specificamente per essere un vero gel. Ciò significa che Advion® Gel Formiche può essere applicato in molte situazioni, come ad esempio la parte inferiore di una superficie orizzontale o su superfici verticali dove il prodotto rimarrà nella zona in cui si applica. Inoltre, può essere applicato su molti tipi di superfici, incluse quelle porose, con scarse possibilità di essere assorbito, mantenendo quindi elevate prestazioni contro le formiche bersaglio.

EXIT 100 SC FLOW: la più moderna formulazione a base di cipermetrina

EXIT 100 SC FLOW è il primo insetticida a base di cipermetrina ad essere formulato in Sospensione Concentrata in acqua, altrimenti nota col termine di Flowable.

Nelle formulazioni SC, il principio attivo solido rimane in sospensione stabile in un fluido, generalmente l’acqua, grazie all’azione di opportuni agenti sospensivanti.

Il principio attivo deve essere in forma solida cristallina per poter essere finemente macinato fino ad ottenere particelle di diametro variabile fra 3 e 5 micron e quindi disperso in maniera omogenea in acqua con l’aiuto di opportuni coformulanti.

La cipermetrina tecnica non è però un solido cristallino ma un liquido viscoso e quindi non adatto alla formulazione in Sospensione Concentrata.

Com’è stato possibile allora avere ottenuto la formulazione di EXIT 100 SC FLOW?

È stato necessario fare sì che la cipermetrina potesse assumere una forma solida cristallina per poi essere micronizzata e formulata come normalmente succede per i principi attivi solidi.

Il processo produttivo per ottenere una forma solida della cipermetrina è piuttosto complesso e raffinato e si snoda fra varie fasi in cui il principio attivo viene fatto assorbire stabilmente in un carrier inerte solido. È proprio il suo processo formulativo a rendere EXIT 100 SC FLOW estremamente raffinato e unico.

Per quale ragione si è voluto ottenere un prodotto Flowable con Cipermetrina?

Le formulazioni SC hanno il vantaggio di essere più persistenti rispetto alle altre formulazioni liquide. I Flowable uniscono i vantaggi delle formulazioni liquide a quelli delle polveri, eliminando contemporaneamente le caratteristiche negative di queste ultime.

Le particelle cristalline che vengono distribuite sulle superfici trattate non sono assorbite dalle superfici stesse e quindi il principio attivo rimane più a lungo disponibile per poter esplicare la sua azione insetticida.  Ne deriva perciò un maggior effetto residuale del prodotto.

Inoltre, questo tipo di formulazione presenta anche vantaggi per l’operatore perché le particelle presentano un minor rischio di assorbimento cutaneo e nel caso dei piretroidi, e della cipermetrina in particolare, ne diminuisce sensibilmente il potere irritante.

Estate = Vespe!

 Qualunque  insetto volante che mostra una livrea gialla e nera viene immancabilmente classificato dai non addetti ai lavori come una vespa e di conseguenza viene a crearsi immediatamente una reazione di panico, con relativa fuga, per il pericolo imminente di essere punti. In  realtà  numerosi insetti, appartenenti a gruppi  anche  molto  diversi fra loro (Coleotteri, Ditteri, altri Imenotteri), e non dotati degli stessi strumenti  atti  ad  offendere, hanno “imitato” questo modello a loro vantaggio, diminuendo la probabilità di essere predati.

Le “vere vespe”

Con questo termine vengono indicati quegli insetti appartenenti all’ordine degli Imenotteri, sottordine Aculeati, famiglia Vespidi (Vespidae). Oltre alla classica colorazione gialla e nera, si riconoscono per la posizione delle ali tenute a riposo. Disposte longitudinalmente al corpo, sembrano essere particolarmente strette: questa sensazione è resa più evidente dal fatto che le ali posteriori, più piccole, rimangono agganciate con particolari uncini a quelle anteriori anche in assenza del volo. Un profondo restringimento fra torace e addome, comune anche ad api e formiche, determina la “classica vita sottile da vespa”. Questo stretto peduncolo permette all’insetto di spostare l’addome in tutte le direzioni ed è importante nella deposizione delle uova e nell’azione di inserire il pungiglione nel corpo di un nemico.

Le vespe  formano delle colonie più o meno complesse, spesso numerose, e sono considerati “insetti sociali”.

Nel nostro paese possiamo trovare due gruppi distinti di questi insetti sociali: i Polistini (genere Polistes), chiamati volgarmente vespe cartonaie, ed i Vespini (genere Dolichovespula, Vespula, Vespa), le classiche vespe.

Questi insetti che regolarmente frequentano l’ambiente urbano hanno un ciclo stagionale che inizia in primavera e termina in autunno con la scomparsa della società (colonie annuali).

Il nido

Il nido, di materiale simile a carta e costantemente rimodellato da secrezioni delle ghiandole salivari, viene costruito ogni anno nel terreno o sulla vegetazione oppure direttamente sulle pareti o all’interno degli edifici stessi.

Le caratteristiche architettoniche di questa struttura variano da specie a specie, ma si possono riconoscere:

a) il peduncolo, la prima parte che viene costruita, con funzioni di ancoraggio al substrato e difesa
deputato all’allevamento e sviluppo degli stadi immaturi

b) l’involucro, come protezione alle cattive condizioni ambientali e contro i predatori

c) il favo, formato da cellette esagonali.

Il genere Polistes

Le “vespe cartonaie” sono presenti in Italia con circa 10 specie, anche se la più comune, e la più grande, è Polistes dominulus (P. gallicus). Più eleganti delle classiche “vespe”, con l’addome più lungo ed affusolato, negli ambienti antropizzati costruiscono i nidi in luoghi caldi e riparati. Si rinvengono così sotto le tegole dei tetti, nelle parti esterne degli edifici, in prossimità di baracche e pollai, all’interno di tubi, anche di metallo, e piccole cavità, su pali e tralicci dell’elettricità.

Il nido dei polisti non è avvolto dall’involucro di carta come nelle altre vespe sociali e il favo orizzontale, che contiene gli stadi immaturi, rimane esposto. Uno stretto peduncolo lo congiunge al substrato. Questa piccola struttura permette di difendere abbastanza facilmente il nido dagli attacchi di altri insetti predatori come le formiche. La maggior parte dei “manufatti” di cellulosa sono di piccole dimensioni, con 50-300 cellette attive alla fine dell’estate (fino a 600-700 in P. dominulus) e alcune decine di alati in attività.

In primavera le femmine fecondate l’anno precedente abbandonano i rifugi dove hanno trascorso l’inverno e si accingono a fondare un nuovo nido.

Le giovani larve vengono nutrite con alimenti proteici masticati, soprattutto larve di lepidotteri e altri insetti poco mobili. La predazione è rivolta anche agli afidi delle piante. Generalmente verso la metà di maggio cominciano a sfarfallare le prime vere operaie, le generazioni si susseguono e la colonia aumenta di numero. Alla fine della primavera le cellette sono occupate da stadi immaturi che daranno origine ai futuri individui sessuati. I maschi cominciano ad uscire a luglio, le sorelle più tardi. Fino alla metà dell’autunno entrambi i sessi, provenienti da colonie diverse, frequentano particolari siti di accoppiamento. Successivamente le femmine fecondate tendono ad annidarsi in luoghi protetti per trascorrere il periodo più freddo dell’anno, penetrando talvolta all’interno delle abitazioni. Non è raro scoprire un gran numero di regine che insieme stazionano nel sottotetto di un edificio. Quando ritornano all’esterno, con l’aumento della temperatura, non è raro che si avvicinino al sito dove sono  nate. Addirittura sembra che non si disperdano oltre 300 m dal vecchio nido. Questo particolare comportamento determina che aree abitate con parecchi nidi di polisti rimangano a rischio e continuino ad avere problemi cronici nel tempo.

Il genere Vespula

Vespula vulgaris e V. germanica rappresentano le vespe che più spesso vengono in contatto con l’uomo e che rappresentano il maggior problema, sia per la loro aggressività che per il numero elevato di individui presenti, fino a 5000-7000 per nido. Il ciclo stagionale è più lungo rispetto alle altre vespe sociali, in quanto la fondatrice inizia la costruzione in aprile- maggio e la colonia scompare a ottobre-novembre. A giugno compaiono le prime operaie, mentre ad agosto-settembre prima i maschi e poi le femmine riproduttrici.

Il nido viene costruito in una cavità nel terreno, ma può essere posizionato all’interno di edifici, dentro un albero cavo, sotto i cornicioni.

Una curiosità. I nidi aerei delle due specie, che possono raggiungere in media 15-30 cm di diametro, possono essere riconosciuti dalla diversa colorazione. Come materiale di costruzione le regine di V. vulgaris utilizzano fibre di legno in decomposizione ed il nido assumerà una colorazione bruna-rossastra, con bande chiare che si alternano ad altre scure. Al contrario V. germanica strappa e modella con le mandibole fibre di legno ancora integro, ma reso grigio dalle intemperie. E questo sarà il colore del nido!

Il successo di questi insetti è legato alla capacità di adattarsi ai diversi substrati alimentari disponibili. Oltre alla predazione su insetti vivi come larve di lepidotteri e mosche, le operaie possono essere attratte da carcasse di vertebrati e invertebrati, compreso sangue che fuoriesce da ferite aperte di grossi animali. Alcuni cibi conservati, sostanze zuccherine naturali (frutta, linfa, miele) e prodotte dall’uomo (zucchero più o meno raffinato) rappresentano fonti alimentari altrettanto importanti.

I voli di foraggiamento sono compresi nel raggio di diverse centinaia di metri attorno al nido, ma in alcuni casi si osservano spostamenti dall’area familiare di oltre un km.

Il genere Vespa

I calabroni (Vespa crabro nel nord e V. orientalis nelle regioni meridionali) sono le vespe di maggiori dimensioni nel nostro paese, con operaie lunghe fino a 25 mm e regine che possono raggiungere 35 mm. Tuttavia, benché pericolosi, non sono così aggressivi come i rappresentanti del genere Vespula: l’esperienza mostra che si può “convivere” in modo soddisfacente con un nido di calabrone rispettando una distanza di sicurezza di circa 5 m.

In primavera, verso maggio, una femmina che ha trascorso l’inverno in una  zona  sicura, spesso nel terreno, individua un sito adatto ed inizia la costruzione del nido. Questa specie preferisce le piccole cavità degli alberi, ma nell’ambiente urbano utilizza anche luoghi riparati e protetti come solai, camini, pozzi, intercapedini contenenti gli avvolgibili delle finestre. A giugno le prime operaie cominciano a svolgere i loro compiti di manutenzione del nido e ricerca del cibo, permettendo alla regina di ridurre i suoi spostamenti all’esterno per dedicarsi quasi esclusivamente alla deposizione delle uova.

Il nido aereo del calabrone è formato da diversi favi sovrapposti, racchiusi da un involucro piuttosto friabile e continuamente rimodellato dalle operaie. In autunno assume una forma piuttosto allungata, potendo raggiungere 60 cm di altezza e 30 cm di diametro. La colonia raramente può  comprendere più di 1000 individui.

Il cibo di questi insetti comprende sostanze liquide zuccherine e proteine solide. Sono riconosciuti, anche se non ben quantificati, danni alle colonie di api tramite predazione, e consumi di frutta di vario tipo.

Il veleno

Quando una vespa utilizza il pungiglione, una piccola quantità di veleno neurotossico (0,05-0,3 ml) prodotto da due particolari ghiandole tubuliformi penetra all’interno dell’organismo. La natura chimica di questa sostanza è  particolarmente complessa e comprende molecole proteiche, responsabili di reazioni allergiche, molecole volatili ed istamina.

Poiché la quantità di veleno inoculata con una singola puntura risulta piuttosto limitata, sembra che tale sistema di difesa non abbia lo scopo di eliminare fisicamente un grosso predatore, come l’uomo, quanto piuttosto di provocare il maggior dolore possibile. E da un punto di vista farmacologico l’istamina, oltre a diverse proprietà, può determinare la stimolazione delle terminazioni nervose deputate alla sensibilità.

Generalmente una o più punture, al di fuori del cavo orale, non sono particolarmente pericolose, ma questa spiacevole  sensazione può complicarsi in quanto alcune persone reagiscono in modo drammatico anche a piccole quantità di veleno contenente le sostanze allergeniche. Tali reazioni possono essere a carattere locale oppure sistemico, più importanti ed estese. Nel 10% dei casi si possono registrare crisi asmatiche più o meno gravi, e nel 5% si arriva allo shock anafilattico, talvolta con esito fatale nell’arco di un’ora. Questo fenomeno rende le vespe particolarmente pericolose, almeno in taluni casi, e la reazione scatenata da una seconda puntura, ricevuta dopo pochi mesi/anni dalla prima, nel 60% dei casi risulta molto più grave ed evidente.

In queste situazioni è indispensabile contattare immediatamente un medico. Individui a rischio devono essere in grado di farsi immediatamente un’iniezione, magari con un autoiniettore, di adrenalina, forse l’unico farmaco, anche se con effetti collaterali piuttosto importanti, in grado di risolvere i casi più gravi di shock allergico.

Perchè combattere le vespe

Molti sono i fattori che influiscono  sulla densità di popolazione delle vespe, per cui ci sono degli anni più favorevoli ed altri in cui la presenza risulta particolarmente scarsa. Tuttavia l’apice della popolazione negli ambienti temperati si raggiunge in agosto-settembre, quando cominciano i problemi più seri. In aree pubbliche una soglia critica corrisponde a 7-10 vespe per ora.

È chiaro che le vespe sono pericolose per le persone e gli animali domestici in quanto possono pungere con il loro aculeo velenoso, ma deve essere sottolineato che quest’arma viene utilizzata quasi esclusivamente per la difesa del nido. Un insetto isolato, se non ripetutamente molestato, raramente può attaccare. Un problema invece spesso sottovalutato è la possibilità di contaminazione dei prodotti nelle aziende conserviere e dolciarie. Le vespe sono generalmente artropodi “piuttosto puliti”, ma quando frequentano in cerca di cibo allevamenti, escrementi animali, depositi di rifiuti, cassonetti, possono contaminarsi con diversi microrganismi patogeni. Alcuni studi hanno evidenziato la capacità di trasporto di batteri come Escherichia coli, in grado di provocare gastroenteriti, e Salmonella spp.

Varie specie di Vespa e Vespula possono rovinare la frutta che è già stata raccolta oppure quella ancora attaccata all’albero. Pesche, susine, fichi, lamponi, mele e pere dalla buccia morbida sono consumate e rese inadatte alla commercializzazione.

La lotta

Non è facile gestire le popolazioni di questi imenotteri in un contesto particolarmente favorevole per il loro ciclo biologico. Il loro numero, la capacità di spostarsi su lunghe distanze, la flessibilità comportamentale in funzione delle risorse ambientali è spesso causa di fallimenti quando i sistemi di lotta non sono ben coordinati e applicati in maniera ottimale. Attualmente il mondo della disinfestazione non è in grado di eradicare un grosso problema di vespe con la stessa precisione, ad esempio, che può essere applicata nei confronti di una popolazione di blatte. In ogni caso tale contributo rimane sempre fondamentale.

Trappole in aree esterne

L’utilizzo di trappole “ecologiche” di varia forma e colore ha sempre riguardato gli ambienti esterni frequentati da questi infestanti. I risultati sono stati spesso contradditori, con catture elevate oppure vicino allo zero. Ciò dipende da vari parametri. Innanzitutto è importante il posizionamento: collocare una trappola sulla “rotta” frequentata dalle operaie di una colonia oppure in prossimità di aree utilizzate per la ricerca del cibo significa partire con il piede giusto. Altrettanto importante risulta l’attrattivo. In molti casi questi prodotti industriali sono confezionati al di fuori dell’Europa, per cui queste sostanze, solitamente “dolci”, possono risultare meno efficaci alle nostre latitudini. Inoltre la tecnica del trappolaggio funziona nei confronti di Vespula spp., caratterizzata da un ampio spettro alimentare, mentre i risultati sono scadenti nei confronti di calabroni e nulli in Polistes spp., che si cibano soprattutto di insetti.

Le trappole possono attenuare un problema, specialmente in prossimità di un’azienda alimentare, ma non garantiscono un controllo reale della colonia.

TRAPPOLA PER VESPE

 

SW

SENZA AGENTI CHIMICI TOSSICI

Da usare in qualsiasi ambiente esterno: Giardini, verande, porticati, recinti, aree gioco per bambini, discariche e siti di riciclo dei rifiuti.

Fornita con un’esca specificamente progettata per le vespe: Irresistibile per tutte le specie di vespe.

Nella trappola, l’esca viene mescolata con l’acqua e attrae le vespe per poi farle annegare.

• Progettata per essere appesa agli alberi o a pali (i fili di fissaggio sono inclusi); può essere collocata anche a terra.

Disponibili le esche di ricambio.

SW1